venerdì 17 dicembre 2010

Florence under the snow from ISTITUTO EUROPEO window!!

Pazza Santa Trinita and Palazzo Ferragamo

Florence under the snow from ISTITUTO EUROPEO window!!

Piazza Santa Trinita

Florence under the snow from ISTITUTO EUROPEO window!!

From the roof

Florence under the snow from ISTITUTO EUROPEO window!!

From the roof

Florence under the snow from ISTITUTO EUROPEO window!!

PIaza Santatrinita view 2

Florence under the snow from ISTITUTO EUROPEO window!!

PIazza Santa Trinita

Florence under the snow!!

What a scenary!!

Florence under the snow!!

So magic!!

giovedì 16 dicembre 2010

ISTITUTO EUROPEO NEWSLETTER

ISTITUTO EUROPEO
a position of excellence


ISTITUTO EUROPEO is almost finished with it's intense work for 2010.

It hasn't been an easy year for ISTITUTO EUROPEO because of the global
recession.  Nevertheless, the ISTITUTO EUROPEO has been innovative and
promoted programs whose aim is to improve quality and excellence, such
as with the Internship Program and the program for Entrepreneurial

Excellence in Italy and Italian Life & Culture.
The results we were able to attain were surprising and for the next
year we hope to double our performance.

The study of the Italian language seems to be stagnant, perhaps
because of the economic recession.  Apparently the traditional Italian
intensive courses are more attractive to a mature public coming from
the European and Japanese markets, and somewhat still appealing to
Australian and New Zealand youths.  Probably because in these
countries the recession hasn't reached the European peaks.

The "made in Italy" fascination is still the driving reason to study
Italian even though it is marking time.  We think that a new indexing
of the Italian service industry in the world market (rather than the
manufacturing industry, which is less important to the Italian economy
but nevertheless started the fascination) will give vitality to a new
Renaissance of the "made in Italy" brand.


Happy Christmas and a prosperous New Year to everyone!


I S T I T U T O  E U R O P E O
PROGRAMS OF EXCELLENCE
diffusione della lingua, musica, arte e cultura italiana
I.E. Academic Programs
Via Del Parione, 1 (Tornabuoni) - 50123 Firenze - Italy
tel +39 055 2381071 -  +39 055 217403‎ - fax +39 055 289145
email: info@istitutoeuropeo.it
website: www.istitutoeuropeo.it
website: www.studyabroad-ie.com
http://www.myspace.com/istitutoeuropeo

Entrepreneurial Excellence in Italy and Italian Life & Culture at ISTITUTO EUROPEO

Everyone tells me that there are two Italies, the north and the south, and that they are totally different. Everyone also tells me that the thing to understand about Italy is that it is like a bird or insect that shouldn’t be able to fly, but does, somehow flouting all the rules of economics and politics. But when everyone tells me the same thing, I start to feel suspicious. Is this really true, I ask myself? And, for my new book, titled FORZA, ITALIA, I went on a journey around the country to find out.[1]

ISTITUTO EUROPEO a position of excellence
According to Bill Emmott’s words, ISTITUTO EUROPEO is offering you the Decisive Journey that Bill Emmott undertook to finally find out the new Italian Economy, the BUONA ITALIA, as Bill defines it, the Italy that no one would expect but will be able to surprise you.
the most innovative and creative companies that are now conquering the International Market?
For this reason ISTITUTO EUROPEO, developed a 3 week program “Entrepreneurial Excellence in Italy and Italian Life & Culture” (in-class-lectures + visits to companies of excellence) which will enable you to have an analytical overview of the BUONA ITALIA, the new Italian Economy: economy of excellence.

If you are interested in receiving our program please contact us:

I S T I T U T O  E U R O P E O
PROGRAMS OF EXCELLENCE

diffusione della lingua, musica, arte e cultura italiana
I.E. Academic Programs
Via Del Parione, 1 (Tornabuoni) - 50123 Firenze - Italy
tel +39 055 2381071 -  +39 055 217403‎ - fax +39 055 289145
email: info@istitutoeuropeo.it
website: www.istitutoeuropeo.it
website: www.studyabroad-ie.com
http://www.myspace.com/istitutoeuropeo


[1] Bill Emmott, author (and former director of The Economist)  of FORZA, ITALIA, Rizzoli Editore

mercoledì 15 dicembre 2010

Mizuki's internship in Siena!

I met interesting people and I had the exact experience I was looking for and exactly the way I wanted it.


I taught Japanese language to Italian students four days a week at Neverland in Siena from September 20, 2010 to November 18, 2010. Before starting the course, I was worried about my Italian language skills as I thought I would have a hard time answering their questions. Luckily, they were really good students and learned the three Japanese alphabets, pronunciation and grammar with slow but steady progress.
I was so happy the day they were able to read and write sentences without photocopies. Unfortunately, it was only a two month internship!
My experience has been really good; I met interesting people and I had the exact experience I was looking for and exactly the way I wanted it.
For this reason, I thank the ISTITUTO EUROPEO for helping me find such a great school and students in such a wonderful city!!

Mizuki Kojima

venerdì 10 dicembre 2010

CONCERTI DI NATALE A FIRENZE


Firenze
OGGI Giovedì 9 dicembre, ore 21.00
Chiesa di San Michele a Castello (FI)
Via di San Michele a Castello, n. 14
DUO PROVENZANI BARBINI
Musiche di Strauss, Beethoven, Chopin
Arezzo
Sabato 11 Dicembre 2010, ore 20.30
Chiesa di S.Marco La Sella
CONCERTO DELLA ORCHESTRA SUZUKI DI FIRENZE
Orchestra di Bambini
Direttore: Virginia Ceri
Musiche di Bach, Haendel, Vivaldi
Firenze Musica in Ospedale
Careggi in Musica
Domenica 12 dicembre, ore 10.30
Auditorium di Clinica Medica di Careggi
CAPOLAVORI MUSICALI
Paolo Chiavacci: violino
Luigi Stillo: pianoforte
Musiche di Beethoven, Schumann, Franck
Arezzo Musica in Ospedale
Musica al San Donato !
Domenica 12 dicembre, ore 16.30
Auditorium Pieraccini - Ospedale San Donato di Arezzo
Musica e solidarietà - CONCERTO DI NATALE
Coro di bambini InContro Canto
Gianna Ghiori: maestro di coro
usiche tradizionali natalizie
Livorno Musica in Ospedale
Spedali Riuniti in Musica
Domenica 12 dicembre, ore 17.00
Chiesa di San Giuseppe agli Spedali Riuniti di Livorno
CONCERTO DI NATALE I
Accademia Vocale città di Livorno
Musiche natalizie

Firenze, Palazzo Strozzi MOSTRA MARZO-LUGLIO 2011/EXHIBITION MARCH-JULY 2011 Picasso, Miró, Dalí. Giovani e arrabbiati: la nascita della modernità/Angry Young Men: the Birth of Modernity

martedì 7 dicembre 2010

L'existentialisme sartrien ne se réduit pas à Mai 68: CAFFE' GILLI

Magia di altri tempi al GILLI






Caffè e bar di Firenze: CAFFE' GILLI (Via Roma 1/R, 50123 Firenze – Florence - Tel. +39 055 213896)
























Certamente uno dei caffè più antichi di Firenze. Forse il più antico. Fu fondato nel 1733 ed è ancora lì splendido e pieno di salute.

PERSONALE: molto professionale e gentile. Certamente sensibili alla mancia, ma è normale in un simile lavoro (VOTO: 9)

GENTILEZZA E QUALITA' DEL SERVIZIO: alta (VOTO: 9)
ATMOSFERA: entrando al GILLI immediatamente sei avvolto dalla fascinaosa atmosfera dei suoi quasi 200 anni di storia (VOTO: 10)

CAFFE' CAPPUCCINI E PRALINERIA: eccellente (VOTO: 10)

Coffee shops in Florence: CAFFE’ GILLI

"Dolce vita at Gilli's"


















Coffee shops in Florence: CAFFE’ GILLI (Via Roma 1/R, 50123 Firenze – Florence - Ph.: +39 055 213896)

This is certainly one of the oldest Cafés in Florence. Maybe the
oldest one. It was founded in 1733 and it is still doing a lot of
business.

It is certainly the right place for coffee, cappuccino and chocolate.

BARMEN AND WAITERS:
Very professional and kind. Of course they are very sensitive to a
good tip, but this is normal in this type of job, all over the world.
( 4)[1]

KINDNESS AND QUALITY SERVICE:
High (4)

ATMOSPHERE:
When you enter the Gilli cafè you are instantly surrounded by the
fascinating atmosphere of its over two hundred years of history. (5)

COFFEE AND CONFECTIONARIES:
Excellent (5)

[1] WE RATE THE COFFEE SHOPS ON A SCALE OF 1 – 5 with the following values:

1 = EXCELLENT

2 = VERY GOOD

3 = FAIR

4 = BELOW AVERAGE – NEEDS IMPROVEMENT

5 = POOR – COMPLETELY INADEQUATE

0 = NOT APPLICABLE

Entrepreneurial Excellence in Italy and Italian Life & Culture at ISTITUTO EUROPEO

Brunello Cucinelli, known for his finest vision of an ethical business practice

Everyone tells me that there are two Italies, the north and the south, and that they are totally different. Everyone also tells me that the thing to understand about Italy is that it is like a bird or insect that shouldn’t be able to fly, but does, somehow flouting all the rules of economics and politics. But when everyone tells me the same thing, I start to feel suspicious. Is this really true, I ask myself? And, for my new book, titled FORZA, ITALIA, I went on a journey around the country to find out.[1]

According to Bill Emmott’s words, ISTITUTO EUROPEO is offering you the decisive journey that Bill Emmott undertook to finally discover the new Italian Economy, the BUONA ITALIA, as Bill defines it, the Italy that no one would expect but will be surprised with.
Have you ever heard of Luxottica (http://www.luxottica.com/en/), Autogrill (http://www.autogrill.com/), Geox (http://www.geox.com/), Cucinelli (http://www.brunellocucinelli.it/index.php?lingua=2) Terra Vision http://www.terravision.eu/), Planeta (http://www.planeta.it/ENG/home.htm)…the most innovative and creative companies that are now conquering the international market?
For this reason ISTITUTO EUROPEO, developed a 3 week program “Entrepreneurial Excellence in Italy and Italian Life & Culture” (in-class-lectures + visits to companies of excellence) which will enable you to get an analytical overview of the BUONA ITALIA, the new Italian Economy: economy of excellence.

If you are interested in receiving our program please contact us:

I S T I T U T O  E U R O P E O
PROGRAMS OF EXCELLENCE
diffusione della lingua, musica, arte e cultura italiana
I.E. Academic Programs
Via Del Parione, 1 (Tornabuoni) - 50123 Firenze - Italy
tel +39 055 2381071 -  +39 055 217403‎ - fax +39 055 289145
email: info@istitutoeuropeo.it
website: www.istitutoeuropeo.it
website: www.studyabroad-ie.com
http://www.myspace.com/istitutoeuropeo


[1] Bill Emmott, author (and former director of The Economist)  of FORZA, ITALIA, Rizzoli Editore

mercoledì 1 dicembre 2010

Universita': continuano occupazioni

A MILANO OCCUPATA NELLA NOTTE ACCADEMIA DI BRERA - La scorsa notte studenti legati ai manifestanti che hanno protestato in corteo, ieri, contro il ddl Gelmini, hanno occupato l'Accademia di Brera. Al momento non è noto quanti siano e dove si trovino esattamente. L'azione sarebbe stata compiuta intorno alle 4. - Secondo quanto si è appreso dalla Questura, la situazione, al momento, sarebbe "tranquilla". Ad accorgersi dell'ingresso non autorizzato di estranei sarebbe stato, secondo indiscrezioni, l'istituto di vigilanza che si occupa dell'Accademia, intorno alle 4, appunto. Gli studenti avrebbero occupato un'aula dell'edificio. Secondo la Questura, si tratterebbe di un piccolo gruppo di persone.

CAGLIARI, CORTEO NOTTURNO STUDENTI CONTRO DDL


Roma, scontri e cariche in Via del Corso

Corteo notturno degli studenti dell'Università di Cagliari. Dopo il voto finale alla Camera che ha dato il via libera al ddl Gelmini, che ora approderà in Senato, e dopo un'assemblea organizzativa al Palazzo delle Scienze, il cui tetto è tuttora presidiato, una parte degli studenti hanno deciso di effettuare una nuova azione di protesta tra le vie cittadine. Il corteo, partito prima di mezzanotte, ha effettuato varie tappe nelle strade principali del capoluogo: tra piazza Yenne, via Roma, viale Regina Margherita, piazza Costituzione, viale Regina Elena per chiudersi alla Casa dello Studente in via Trentino. Oggi nuova assemblea di tutti gli studenti ed i ricercatori per decidere le iniziative di protesta che saranno portate avanti sino al giorno della discussione del ddl al Senato. Nel frattempo continuano le occupazioni nella Facoltà di Magistero e nel Palazzo delle Scienze.

A PALERMO OCCUPATE INGEGNERIA E AULE MEDICINA - Tra ieri sera e stamattina gruppi di studenti hanno occupato la facoltà di Ingegneria di Palermo e alcune aule di Medicina per protestare contro il ddl Gelmini. La notizia, comunicata agli studenti con un tam tam su Facebook, é stata confermata dai coordinatori della protesta universitaria. A Palermo erano già occupate le facoltà di Lettere, Scienze matematiche e Scienze Politiche.

OCCUPATA FACOLTA' SCIENZE E CHIMICA A CATANIA - Continua la protesta contro la riforma Gelmini a Catania: la notte scorsa studenti di Scienze e tecnologie chimiche di Catania hanno occupato l'aula magna del dipartimento universitario, dove è prevista un'assemblea di studenti, docenti e ricercatori. Assemblee permanenti sono in corso anche nella facoltà di Scienze politiche e nel liceo classico Nicola Spedalieri per contestare "un governo insensibile al futuro dei propri giovani".

A TORINO CONTINUA OCCUPAZIONE PALAZZO NUOVO - E' rimasto occupato per tutta la scorsa notte, a Torino, Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche dell'Università, da dieci giorni gestito autonomamente dagli studenti che protestano contro la riforma Gelmini. Stamani sono proseguiti i picchetti davanti agli ingressi, mentre alle 14 si terrà una riunione durante la quale verranno decise le prossime strategie del movimento dopo i numerosi blocchi alla circolazione stradale, autostradale e ferroviaria di ieri.

SACCONI, RIFORMA CONTRO FUCINA DI PRECARI - "E' interesse del Paese, dei giovani e della loro occupabilità, varare quanto prima questa riforma che cambia un' università che oggi è purtroppo una fucina di precari". Lo ha detto il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, a margine di una audizione alla Commissione Parlamentare sull'attività degli enti gestori.(

di Francesco Bongarrà

Sì sofferto dell'Aula di Montecitorio alla riforma dell'Università. I finiani ancora una volta mettono in evidenza la loro 'insostituibilita'' per la tenuta parlamentare del governo. E, prima del voto finale, mandano "sotto" l'esecutivo due volte su altrettanti emendamenti che hanno il via libera anche dall'opposizione. Testi che vengono approvati contro il parere del governo con una ventina di voti di scarto. Ma Silvio Berlusconi difende a spada tratta il ddl e attacca i manifestanti: "I veri studenti sono a casa a studiare",dice, chi va ora in piazza sono i fuoricorso dei centri sociali. Poi ad approvazione ottenuta, esulta: contro l'occupazione da parte della sinistra dei settori della cultura, della scuola e dell'Università, è stato inferto "un colpo mortale a parentopoli", dimostrando inoltre al paese di essere "il governo del fare". Ma la giornata, con i due voti dei finiani a battere il governo, ha consegnato motivi di soddisfazione anche all'opposizione che non ha perso l'occasione per attaccare la riforma a testa bassa. Ed è scontro in aula con il centrodestra che insorge contro i "massimalismi" di Pd e Idv. Ogni volta che un emendamento di Fli viene messo ai voti, mentre è aperta la votazione dai banchi del centrosinistra si sente la classica 'ola' degli stadi di calcio in vista di un'azione decisiva. Ma è anche scontro al calor bianco sulla sicurezza nelle città italiane 'invase' da tantissimi studenti che protestano contro la riforma. Pd e Idv attaccano il ministro dell' Interno accusandolo di aver "militarizzato" Roma. Lui si difende parlando di "difesa adeguata". Silvio Berlusconi, dunque, difende il testo Gelmini.

"E' - rivendica - una buona riforma che favorisce studenti, professori e più in generale tutto il mondo accademico e dunque deve passare se vogliamo finalmente ammodernare l'Università". Il presidente del Consiglio non si capacita delle proteste e dell'opposizione alla riforma: "E' stata discussa con tutte le parti in causa, modificata, migliorata e credo che meglio di così non si potesse proprio fare". Per questo, osserva Sandro Bondi, "un'opposizione responsabile dovrebbe sostenerla". E invece, secondo Ignazio La Russa, "la sinistra solidarizza con i violenti". Gli "estremisti che hanno bloccato Roma e causato gravi incidenti non hanno reso un buon servizio alla stragrande maggioranza di studenti scesi in piazza con motivazioni non totalmente condivisibili ma certamente animate da una positiva volontà di partecipazione e di miglioramento delle condizioni della nostra Università", si schiera il presidente della Camera, Gianfranco Fini, che esprime solidarietà "alle Forze di Polizia, ai cittadini romani e ai tantissimi giovani in buona fede, la cui protesta è stata strumentalizzata". Incidenti che per il presidente del Senato Renato Schifani, che condanna gli attacchi alle forze dell'ordine, "non hanno certamente giovato alla vita democratica e a chi voleva manifestare pacificamente" Ma per il Pd responsabile della tensione è solo e soltanto il governo.

Mi pare - denuncia il leader Pierluigi Bersani - che nella stragrande maggioranza studenti e ricercatori si siano mossi in modo pacifico. Ha impressionato la città militarizzata. E se si è arrivati a questa tensione è per irresponsabilità dell'Esecutivo che ha perso la testa e la presa sui problemi del paese". E sotto attacco della sinistra radicale è il ministro dell'Interno Roberto Maroni, cui Nichi Vendola contesta "una responsabilità gravissima", perché sta facendo diventare "le proteste studentesche una vicenda di disordine pubblico". Ma il responsabile del Viminale non ci sta: "Io - rivendica - ho il compito di gestire l'ordine pubblico e evitare incidenti e l'assalto ai luoghi sacri della democrazia, come avvenuto la scorsa settimana in Senato. E mi pare che tutto stia avvenendo con grande responsabilità delle forze dell'ordine che hanno subito violenza e stanno gestendo una situazione molto complicata".

FONTE: ANSA

martedì 30 novembre 2010

Bill Emmott a il Politico.it: “Sì, l’Italia può risorgere Adesso continuate così” di FABRIZIO ULIVIERI


Bill Emmott a il Politico.it: “Sì, l’Italia può risorgere Adesso continuate così” di FABRIZIO ULIVIERI (per gentile concessione de www.ilpolitico.it)

Il giornale della politica italiana e Bill Emmott: è l’incontro tra due patriottismi. Quello del più autorevole e ascoltato consigliere della nostra politica (autoreferenziale) di oggi, che spinge verso il futuro, del quale è il principale laboratorio. Avamposto - come i “fogli” risorgimentali di Mazzini o Cattaneo - della costruzione del domani del nostro Paese. E quello dell’intellettuale inglese «sedotto» dal nostro Paese. Che il Politico.it ha definito per primo (e solo, tra i quotidiani) un nuovo patriota (che non poteva che essere) straniero (in questa fase). Emmott e il Politico.it ritengono, anzi, credono che l’Italia possa conoscere - attraverso un rinnovato Risorgimento - un nuovo Rinascimento. Le ricette che propongono sono la cultura come chiave della «liberazione» in tutti i sensi del nostro Paese da un lato, e quella “rivoluzione liberale” che faccia ritrovare al nostro Paese la «flessibilità e (il) dinamismo» che ha già avuto «tra il ‘60 e il ‘70», e che rompa i lacci di un’eccessiva (auto)protection, dall’altro. Al di là delle sfumature, quello che conta è che entrambi hanno a cuore una cosa sola: il bene dell’Italia. Quell’Italia che tornerà ad essere una grande nazione, una nazione europea di un’Europa che trascinerà, finalmente (in tutti i sensi), alla propria unità politica rendendola - dopo lo stesso nostro Paese - la culla della civiltà mondiale. Per questo l’ex direttore dell’Economist, dopo essere uscito con il suo libro “Forza, Italia - come ripartire dopo Berlusconi”, un «incoraggiamento e una lode a quei gruppi che già operano per rendere la (nostra) nazione più forte e prosperosa», sceglie il Politico.it per rilanciare. E lo fa in questa lunga conversazione-intervista con la firma “anziana” (per saggezza e solidità) del giornale della politica italiana. Buona lettura e buona politica con il Politico.it.


Nella foto, Bill Emmott ai tempi della direzione dell’Economist

Dopo aver letto il tuo libro, Bill, mi sorge spontaneo pensare che in fondo, volendo, del buono lo si trova dappertutto…sei persino riuscito a trovare del buono nella classe politica italiana!

«Certamente che si può trovare del buono dappertutto ma la difficoltà maggiore sta nello stabilire che spesso la “la buona Italia” e “la mala Italia” co-esistono all´interno della medesima gente e delle stesse organizzazioni. Questo vale soprattutto per la politica. Quello che dunque valgono sono le circostanze e le incentivazioni. Non è solo una questione morale».

Tu davvero vedi possibile un nuovo Rinascimento/Risorgimento italiano?


«Ho sempre creduto che Rinascimento e Risorgimento siano possibili. E credo anche che oggi un “Risorgimento” debba soprattutto consistere nella rimessa in circolo della flessibilità e del dinamismo che l´Italia ebbe nel 1960 e 1970. Non rappresenterebbe dunque un cambiamento completo, ma si tratterebbe di riportare in vita vecchie forze e spinte».

Un attore italiano, Elio Germano, dedicò il premio di Cannes come migliore attore «all´Italia e agli italiani che fanno di tutto per rendere il paese migliore nonostante la loro classe dirigente». Il tuo libro sembra in ogni senso confermare la frase di Germano…

«Sì, davvero la mia speranza è che il mio libro incoraggi gli Italiani, in patria e all´estero, a lavorare sodo per impegnarsi a rendere la loro nazione migliore, più forte e prosperosa. Dopo tutto ho trovato numerosi gruppi che già si muovono in questa direzione: il mio libro intende lodarli e omaggiarli. Ma ne occorrono ancora di più e ci vuole ancora molto lavoro in questa direzione».

Leggendo il libro mi pare più che evidente che gli imprenditori siano l´unica classe sociale veramente innovativa in Italia. In particolare quando parli di Cucinelli…

«Beh, gli imprenditori sono sempre per definizione innovatori: cercano sempre di creare qualcosa di nuovo. Ci sono persone che vogliono investire le loro vite fuori dal vecchio sistema, da un modo vecchio di fare gli imprenditori e da una burocrazia altrettanto vecchia. Sono dunque una fonte di cambiamento e di ispirazione. Gli ostacoli che soprattutto devono fronteggiare aiutano a definire il problema: se tali impedimenti potessero essere diminuiti allora ci sarebbe più innovazione e sviluppo. Un grosso ostacolo è la legge sul lavoro che finisce per scoraggiare molti imprenditori ad assumere più di 15 persone».

Le figure imprenditoriali che tratteggi nel libro oltre ad essere innovative mi sembra che rappresentino un bell´esempio di capitalismo etico. Non è che in Italia il capitalismo sia più etico che altrove?

«Non credo che il capitalismo italiano sia generalmente più etico che altrove. Credo però che la storia del capitalismo italiano sia stata di maggiore confronto rispetto ad altri paesi europei e che in Italia vi sia perciò un diffidenza verso il capitalismo più diffusa che altrove. Così gli imprenditori che mostrano che il capitalismo possa essere etico e co-operativo sono persino più importanti in Italia».

Dell´immigrazione non parli molto nel tuo libro. Mi piacerebbe sapere come vedi la crescita vertiginosa dell´immigrazione: una spinta positiva per l´economia italiana o il rischio di un aumento della conflittualità e di un ulteriore frammentazione del già frammentato consenso sociale che è il fondamento e la forza delle economie emergenti?

«L´Italia era atipica prima del 1990 nel non aver avuto una grande immigrazione: molto meno della Francia o Germania, per esempio. Ora, dal 1990, si è allineata con una percentuale di residenti nati all´estero che è passata da un virtuale 0% della popolazione al quasi 7% di ora. Che è comunque ancora inferiore al livello della Francia e della Germania. Io credo in verità che questo sarà un grande beneficio per la nazione, rompendo il circolo spesso chiuso della società Italiana e fornendo una nuova fonte di nuovo vigore imprenditoriale. Durante la sua storia l´Italia ha spesso avuto fenomeni consistenti di immigrazione, in parte a causa dei suoi non ben definiti confini e perché non esisteva una definizione di “italiano”. Personalmente credo che ci sia sempre un rischio di conflitto quando un gruppo migra verso un altro luogo, ma può essere affrontato e controllato, e tuttavia l´immigrazione va vista in ultima analisi come un fatto positivo».

Tu individui il limite dell´imprenditoria italiana nell´incapacità, sovente, di saper camminare da soli in quanto eternamente dipendente dallo Stato. Ma non è questo il riflettersi del ben più profondo schema della dipendenza cattolica da una figura superiore (il prete, il cardinale, il vescovo, il Papa, il Cristo) che sempre ci deve indicare il da-farsi o il non-potersi-fare. In fondo gli italiani per questo, forse, rimangono un popolo immaturo e popolato di bamboccioni. Confindustria, i sindacati, l´ordine dei giornalisti e le infinite gilde che si moltiplicano all´infinito non sono forse il più chiaro segno di questo transcendens che attraversa tutta la cultura e società italiana per tutta comprenderla?

«In questo caso è difficile per un outsider giudicare in modo competente. Ma la mia interpretazione sarebbe però un po´ diversa. E´ che la storia italiana, con le sue numerose invasioni, cambi di regime e conflitti, ha prodotto un individualismo paradossale: una società dove la gente persegue un´autonomia individuale, creando le proprie realtà e protections in modo da assicurarsi la propria sopravvivenza, ma che anche risponde a questi cambiamenti creando gerarchie e regole per dotarsi di un altro tipo di protection - una protection che di per sé riduce la libertà individuale. C´è una battaglia fra individualismo e rigidità: alcune delle attuali difficoltà che l´Italia si trova ad affrontare in economia nascono appunto da un´eccessiva rigidità».

Concordo con te che l´Italia è un paese culturalmente stantio che manca di una visione globale dell´azione. A mio avviso questo è soprattutto colpa di una sinistra che ha saputo solo vivere e replicare stando all´ombra di Berlusconi senza saper portare contributi nuovi e freschi in termini di idee; vivendo solo di schemi retorici, preconcetti e governata da dinosauri veramente da rottamare ormai. “Sinistra” in Italia ha sempre significato progresso ed innovazione, amore per la cultura… ma dove sono oggi i Gramsci, i Pasolini, i Calvino…?

«Credo che la sinistra abbia seguito Berlusconi non solo nell´autodefinirsi in opposizione a lui, ma anche nel copiare la sua idea artificiale di una politica bi-polare di due grandi blocchi politici. La legge elettorale ora incoraggia questo grazie al “majority premium”. Ma è artificiale: il centro destra è diviso fra nord e sud, mentre la sinistra è divisa fra conservatorismo e progressisti liberali. Convivono nello stesso partito ma non potranno mai andare d´accordo. Questo è il motivo per cui io vedo di buon occhio una riforma della legge elettorale, eliminando il majority premium e riconoscendo che in Italia la politica è frammentata e la riforma richiede la costruzione di un consenso ampio».

Gli esempi che porti di imprenditori, sono imprenditori veri proprio perché completamente sganciati dalla politica, unicamente dediti alla propria azienda. Uno scrittore engagé raramente è un grande scrittore e probabilmente un imprenditore troppo dedito alla politica non è mai un grande imprenditore. Insomma, uno che fa l´imprenditore non può mai stare né a destra né a sinistra ma deve stare con la sua azienda e le sue idee. Ho correttamente interpretato l´idea emersa dai tuoi incontri con gli imprenditori italiani?


«Sì, credo che un businessman debba scegliere: guidare la propria azienda o fare politica. Devono essere o l´uno o l´altro ma mai tutt´e due».

Il tuo libro si intitola “Forza Italia - come ripartire dopo Berlusconi”. Ma davvero tutti i problemi dell´Italia sono da attribuire a Berlusconi?

«No, naturalmente no. Come sostengo nel mio libro Berlusconi è sintomo e causa allo stesso tempo: egli è un esempio estremo di Mala Italia, l´Italia che persegue monopoli e cartelli, che infrange le leggi quando le aggrada e che usa il potere dello Stato per i propri interessi, ma certamente non ha inventato queste caratteristiche che non scompariranno automaticamente e facilmente dopo la sua uscita. Secondo la mia opinione ha però contribuito a diffondere maggiormente questi atteggiamenti, dando esempio dall´apice del governo e stabilendo uno strumento di sistematica distorsione della verità (talora facendo uso di evidente menzogna), supportato dal suo controllo dell´informazione televisiva, che ha minato la verità e il pluralismo».

Da quando hai pubblicato il libro, gli eventi successivi ti hanno in qualche modo portato a riconsiderare qualcosa rispetto alle tesi del libro precedentemente uscito?


«No, non ancora. Gli eventi successivi mi hanno fatto solo approfondire la mia ricerca, sul sistema universitario, per esempio, o sulle discussioni relative al programma “fabbrica Italia” della FIAT».

Bill, ma perché tutto questo amore per l´Italia? Davvero grazie a Berlusconi, come affermi nei ringraziamenti alla fine del libro?


«Berlusconi ha dato il via al processo, attraendo la mia attenzione e obbligandomi in un secondo momento ad un impegno personale. Ma poi l´Italia mi ha sedotto, unitamente ad una crescente emozione di scorrettezza e ingiustizia: che è scorretto ed ingiusto che così tanti italiani siano pessimisti e fronteggino così tanti ostacoli nella loro vita, soprattutto le generazioni più giovani».

lunedì 29 novembre 2010

WHAT IS FLORENCE TODAY?

WHAT IS FLORENCE TODAY?

Florence is much more than the home of some of the greatest works of art in the world, the capital of luxury shopping and services for the international tourist trade. Industry is actually the driving force behind the local economy, accounting for 27% as opposed to 7.5% for tourism. The development of local economic systems, or districts, of international importance such as those operating in the Textile-Apparel and Footwear sectors, as well as the consolidation of production chains for the interior decoration and wine-food sectors, and the presence in the area of some of the leading companies in the field of machinery, in the pharmaceutical and biotechnology industries, have made it one of the most interesting industrial locations in the world.

A vast network of small and medium enterprises (over 105,000) with their characteristics of dynamism and flexibility, integrated with larger companies, makes up the foundation of the local economy. Commerce and industry together represent almost 50% of the entire entrepreneurial sector, with a much higher share in the economy than the national average (13.2%); the industries related to chemicals and plastic products account for 13.2% of the added value of the province, while mechanical industries contribute for a share of 22.7%.


(From: http://www.firenzebusiness.it/default.asp?page=informazioni&idtema=2&index=1&idcategoria=144&idinformazione=247)

FC Barcelona vs Real Madrid

Es el clásico de la historia. Esta vez sí. FC Barcelona y Real Madrid han llegado al duelo liguero de esta noche en el Camp Nou (21 h., Canal + Liga/Gol T) como los dos mejores equipos del planeta, aunque por caminos distintos. El Barça de Pep Guardiola y Leo Messi es talento, humildad y pasión por el deporte, el juego puro admirado por todo el mundo del fútbol, mientras que el Madrid de Jose Mourinho y Cristiano Ronaldo trata de alcanzar la cima sin importarle las formas y priorizando el resultado al espectáculo.

La previa ha sido inmejorable. En primer lugar, porque desde los dos vestuarios se ha rebajado la tensión. A excepción de la presión sibilina que Mourinho le añadió al colegiado del encuentro ("con Iturralde González el Barça es feliz; el Madrid, menos"), las declaraciones de los protagonistas en los últimos tres días han sido modélicas. Y por otro lado, porque todos los cracks estarán sobre el césped.

'Onces' de gala

Al margen de Kaká, lesionado de larga duración, Guardiola y Mourinho dispondrán de los mejores efectivos y alinearán su 'once' de gala. Pep tirará de su clásico 4-3-3, con Abidal, ya recuperado, de nuevo en el lateral izquierdo, y Mou alineará a Ozil. Se había especulado con la posibilidad de que el luso reforzara el centro del campo sentando al alemán y colocando a Lass junto a Xabi Alonso y Khedira o bien dando entrada a Arbeloa y adelantando la posición de Marcelo. Pero el técnico madridista aseguró ayer que jugará con los de siempre. Hoy sabremos si cumple con su palabra o si vuelve a mentir, como ya hizo cuando dirigía al Chelsea y la víspera recitó una alineación que cambió al día siguiente dejando a Duff en el banquillo, o como el año pasado, cuando en la vuelta de las semis de la Champions, con el Inter, dio entrada a última hora a Chivu por Pandev.

Guardiola, que precisamente desde ese duelo europeo se ha distanciado de Mourinho, por sus palabras y sus gestos antes, durante y después de aquella eliminatoria, puede escribir una nueva y brillante página de la historia del club si encadena su quinta victoria consecutiva frente a los blancos. En su estreno, en la 2008-2009, el Barça ganó el clásico 2-0 con goles de Eto'o y Messi, y en la segunda vuelta goleó en el Bernabéu en una noche histórica (2-6); y en la pasada, 1-0 obra de Ibrahimovic y un 0-2 decisivo para la Liga.

Los diez de Leo
También Messi, como cada vez que salta al césped, puede seguir pulverizando marcas. Porque tras nueve partidos consecutivos 'mojando', en los que ha firmado quince dianas, aspira al décimo. Si lo logra, se quitará una de las contadísimas espinas que aún tiene clavadas: aún no ha visto puerta ante un equipo entrenado por Mourinho. Algo similar le ocurre a Cristiano, obsesionado por marcarle al Barça. Ni lo logró con el Manchester United en sus tres duelos europeos ni con el Madrid en los dos de la pasada campaña.


En el campo debutará Villa, a quien se le da bien el Madrid, y en el palco Sandro Rosell. A su lado, Florentino Pérez se la juega. Mourinho es su último cartucho

Pep y 'Mou' han hollado la cima del éxito por vertientes distintas, aunque por su precocidad y conocimientos parezca lo contrario. Dos estilos diametralmente opuestos en la forma de entender el fútbol y su entorno. El catalán es un analista, un fiel seguidor del histórico talante ofensivo del club y de su política de cantera, un defensor de sus jugadores, respetuoso con el rival y prudente en todas sus reflexiones. El luso es un pragmático del poder que le ha reportado un ilimitado prestigio. Los títulos como objetivo final. El resto, poco importa. Así que provoca, se enemista con sus rivales e incluso azota a sus jugadores, sin cortarse a la hora recurrir a todo tipo de artimañas tácticas y técnicas. Sólo vale ganar y le ha salido bien

FONTE: El mundo deportivo

Una vida loca en Florencia

Mi estancia en Florencia se va finalizando, este domingo volveré a ver a los mios, a la gente que quiero, y que he echado de menos en este mes fuera de casa. En este mes me he dado cuenta de que ya no soy una niña de 15 años sino que ya soy una mujer casi independiente que se ha demostrado así misma que si quiere puede conseguir sus metas por sus propios méritos.


Los fines de semana han sido una locura para nosotros, de jueves a sábado, haciendo planes siempre para no abandonar nuestra fiesta española aunque nos ha costado acostumbrarnos a la fiesta florentina ya que aquí las discotecas abren a las 23h y cierran a las 4h de la mañana. Esta es mi ultima semana aquí en Florencia y cada día que pasa se va tachando en el calendario.

Esta noche se celebra el clásico del fútbol español, FC Barcelona vs Real Madrid, mi primer clásico sin asistir al campo y celebrar la victoria en la fuente de Canaletes por suerte que hay unos bares de aquí de Florencia donde podremos ver el partido tan esperado de la Liga. Siendo como una buena cule la camiseta del Barcelona no faltara esta noche.


A partir del miércoles se ira celebrando como si fuera nuestro ultimo día en Florencia aunque la fecha del regreso se va acercando.

INTERNSHIPS ARE SEXY THINGS


To intern in Florence is sexy because starting a new life in Florence is a sexy thing. A sexier city doesn't exist. Here, in Florence, everything speaks of history, magic, seduction, romance…. Everyday you will wake up in beautiful scenery and be driven to a new adventure in your new life in the city of Dante & Michelangelo, surrounded by the river Arno, the ancient buildings, and the unforgettable atmosphere of a past that never ends.

Isn’t that sexy?


giovedì 25 novembre 2010

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: DAGLI ANNI '70 al 2010

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: LA RABBIA DEL 2010 NON E' DIVERSA DA QUELLA DEI '70


AUGMENTED REALITY ISTITUTO EUROPEO MUSIC

http://www.youtube.com/watch?v=ky95ggoJ1d8

video

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: DAGLI ANNI '70 al 2010

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: LA RABBIA DEL 2010 NON E' DIVERSA DA QUELLA DEI '70

AUGMENTED REALITY ISTITUTO EUROPEO MUSIC

http://www.youtube.com/watch?v=ky95ggoJ1d8

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: DAGLI ANNI '70 al 2010

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: LA RABBIA DEL 2010 NON E' DIVERSA DA QUELLA DEI '70

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: DAGLI ANNI '70 al 2010

LA RABBIA SOPITA NON MUORE MAI: LA RABBIA DEL 2010 NON E' DIVERSA DA QUELLA DEI '70


 

FOR US DETAILS ARE IMPORTANT FLORENCE INTERNSHIPS

WE CAN PLACE YOU EVERYWHERE ISTITUTO EUROPEO INTERNSHIPS

martedì 23 novembre 2010

SEMPER CUNNUS TAETERRIMA CAUSA BELLI FUIT!

La crisi politica? E' figlia di due donne

di Vittorio Sgarbi (da "IL GIORNALE" 23 novembre 2010)
Veronica Lario ed Elisabetta Tulliani hanno condizionato la vita politica dei cofondatori del Pdl. Il Cavaliere dopo la separazione si è sfrenato, Fini invece ascolta solo la compagna
La crisi politica che stiamo attraversando ha origini insolite, ma facilmente ricono­scibili. Non si tratta, come qualcuno vor­rebbe far credere, di un impazzimento do­vuto a promesse non mantenute, a diverse concezioni della giustizia, a incomprensio­ni tra Nord e Sud, tra Lega e componenti nazionalistiche della maggioranza, alla prepotenza di Tremonti, alla insofferenza del mondo della scuola per le riforme della Gelmini, alle malintese prospettive federa­­liste, insomma a ragioni ideali, economi­che, culturali, improvvisamente affiorate all’interno di una maggioranza fino a ieri relativamente coesa, e lungamente collau­data, ma di una crisi sessuale. Berlusconi ha introdotto una variante al celebre pre­cetto andreottiano: «Meglio comandare che fottere».
Per lui è (o appare), vista la sereni­tà dei suoi comportamenti), «meglio fottere che comanda­re ». E infatti la politica non c’è più. Stiamo assistendo agli ef­fetti imprevedibili e catastrofi­ci di opposte concezioni della vita amorosa non tra cattolici e libertini, non fra tradizionali­sti e figli disinibiti della rivolu­zione sessuale, tra vecchi e gio­vani, ma, all’interno di quello che fu lo stesso partito, tra Fini e Berlusconi. Questo è eviden­te a tutti. E, dopo più di quindi­ci anni di più o meno tranquil­la convivenza sono maturate opposte e incompatibili con­cezioni della vita sessuale. Tut­to è tranquillo finché ci sono, benché in seconde nozze, due mogli. Poi, più o meno nello stesso tempo, Fini abbandona la moglie Daniela (o ne è ab­bandonato) e si avvia verso la Tulliani; e Berlusconi viene ab­bandonato clamorosamente da Veronica.
Già in questi di­stacchi c’è una differenza. Da­niela Fini se ne va discreta­mente senza fare comunicati e sceneggiate; Veronica Lario non riesce a trattenersi e si sfo­ga, in due tempi, prima nel 2007, poi nel 2009, non su Chi, ma sul giornale del nemico, la Repubblica. Già la scelta del­l’organo ha un rilievo politico, ma gli argomenti sono tutti di natura personale e sessuale. La prima volta Veronica rim­provera a Berlusconi l’indeli­catezza di aver detto a Mara Carfagna: «Se non fossi sposa­to ti sposerei» (ma lui afferma di essersi limitato a dire: «Sei una donna da sposare»). Fra­se forse infelice, ma generica, che indica una situazione di fatto.
L’attuale capricciosa e in­v­erosimile posizione della mi­nistra delle Pari opportunità palesa che sposarla sarebbe stato un clamoroso errore. Ma la seconda lettera di Veronica a Repubblica rivela che fu un errore anche sposare lei. Infat­ti, dopo anni di convivenza, Berlusconi scopre di essere stato vicino a una donna che non conosceva la quale, aven­do avuto tutto da lui, avendo forse tollerato qualche inno­cua scappatella, improvvisa­mente si erge a preoccupata e severa moralista verso il «dra­go » (suo marito) che frequen­ta e mette in lista «ciarpame senza pudore». Se ne accorge dopo le fotografie del marito mano nella mano di una bella ragazza (Francesca Impiglia, da me per primo scoperta), nel giardino di villa Certosa, e dopo le altre fotografie di cin­que ragazze scherzosamente sulle sue ginocchia,in un’altra allegra occasione in Sarde­gna; dopo gli articoli e le inter­cettazioni su attrici, show girl e giornaliste in diverso modo frequentate e in diverso modo care a Berlusconi.
Rivelazioni e piccoli scandali di cui i giornali parlano e che certamente Veronica può co­noscere e commentare con un’amica e giornalista intelli­gente e informata come Maria Latella. Dunque, come avreb­bero detto i magistrati di Mila­no, Veronica non poteva non sapere. E, però, contempora­neamente, conteneva con la sua presenza coniugale le in­temperanze libertine del mari­to. Il suo compito discreto era molto simile a quello della mia compagna Sabrina, la quale vede, conosce ed è supe­riore; comprende, sorride, non attribuisce importanza al­le mie curiosità ma, soprattut­to, non si sfogherebbe mai in­viando una lettera a Repubbli­ca. Per questo Berlusconi me la invidia. Sabrina si incazze­rebbe discretamente con, ma non scriverebbe a un giornale per lamentarsi dei miei com­portamenti. E Infatti la chiave della crisi è qui; e da qui inizia l’attuale sconvolgimento che attraversa il mondo politico. Quando Veronica se ne va, il premier crede di essere torna­to libero, di essere single; e nul­la può contenere la sfrenate­z­za di questa nuova condizione alla quale da molti anni non era avvezzo. Manca la diga. E, superato l’episodio scatenan­te di Noemi, vengono i giorni della D’Addario, impensabili ai tempi di Veronica, e tutte le altre vicende di cui le crona­che hanno parlato e sparlato nel corso di questi mesi.
Episo­di insignificanti, grottesca­mente amplificati, ma rivelato­ri della serenità, del diverti­mento, dello spirito ludico di Berlusconi tornato libero e in­differente alle critiche e al bia­simo dei moralisti. Nella nuo­va c­ondizione egli si sente pro­tagonista di Amici miei, e si av­via alla terza variante: «Meglio comandare per fottere». Scher­za, gioca, fa battute, si diverte. Il culmine è nell’ormai cele­bre ba­ttuta per una vicenda en­fatizzata da un pubblico mini­stero senza ironia ( che ha sere­namente dichiarato: «Se non c’era posto in un centro d’ac­coglienza, la ragazza poteva passare la notte seduta in que­stura »): «Ci risulta che sia la ni­pote di Mubarak ». Battuta im­pagabile. Per aiutare una gio­vane amica in difficoltà. E Ru­by, spalla perfetta, a spiegare: «Ho visto una sola volta Berlu­sconi. Per me è stato come la “Caritas”». E, ancora, in stato di grazia: «È un uomo molto buono e gentile, ma dovrebbe controllare meglio chi gli arri­va in casa ». La ragazza si conce­de una raccomandazione e una predica a un amico gene­roso ma un po’ imprudente.
Siamo al sublime, tra battute fulminanti e ironia. Dall’altra parte c’è un modello completamente diverso. Fini non ci sta. Non è disponibile a scherzare. Lui, già fascista, è di­ventato un modello esempla­re del «politicamente corret­to ». Fini ha incontrato la Tullia­ni e ha scoperto che al mondo c’è solo una donna. Egli, tutto d’un pezzo, non si distrae, ve­de solo lei, sente solo lei. Fa quello che lei vuole. Nel suo ri­gore, e nel suo innamoramen­to, Fini non degnerebbe di uno sguardo, neanche di uma­na pietà, le Noemi, le D’Adda­rio, le Ruby. Lui le disprezza. La sua mente è totalmente pre­sa dalla Tulliani. Egli è occupa­to da lei; e quando Feltri, attra­verso di lei, inizia una batta­glia politica contro Fini con la forza di una inchiesta giornali­stica cer­tamente non provoca­ta da Berlusconi, Fini non si ve­de più e decide di rompere tut­to. È il modello Tulliani contro il modello Ruby. E, nel suo di­scorso a Bastia Umbra, Fini po­ne sullo stesso livello, nella rea­zione scandalizzata della stampa internazionale, il crol­lo di Pompei e la vicenda di Ru­by. Da una parte c’è lui,il cam­pi­one di princìpi fortificati dal­l’amore, dall’altra c’è Berlu­sconi non più occupato da Ve­ronica Lario ma visitato da ra­gazze che vanno e vengono, e cambiano sempre. Certo non lo influenzeranno, non ne orienteranno i comportamen­ti, le idee, la politica. Passeran­no senza lasciare traccia. Ma lui per loro è come un luogo di villeggiatura nel quale anda­re, fermarsi qualche ora o qual­che giorno, e ripartire.
Ecco, in questi due modelli di vita amorosa e di esperienza sessuale totalizzante od occa­sionale, si gioca la partita della crisi. In principio era la Lario. Ora la Tulliani apre la crisi, in­dica la rotta. Mentre Berlusco­ni riceve ragazze di cui non ri­corda il nome e a cui non dà altro che sorrisi e qualche pic­colo aiuto, soprattutto psicolo­gico. Loro in compenso sono euforiche soltanto per averlo conosciuto, toccato. Fini sta chiuso in casa e ascolta soltan­to lei cui vuole mostrare il suo rigore, la sua integrità. Mai an­drebbe a un compleanno, mai in una discoteca. Lui è tutto d’un pezzo. Berlusconi è un pezzo per tutti. Ecco: la storia è questa, ma nessun bacchetto­ne repubblichino, con grana­te e tremaglie, potrà darci più garanzie di un sereno e scanzo­nato libertino. E anche la sto­ria futura: infatti se toccherà a Vendola inizierò una nuova fa­se prima erotica che politica. E, in quel caso, per Fini e an­che per Berlusconi, oggi con­trapposti, occorrerà guardarsi le spalle. Con il suo avvento non sarà più certa la centralità politica della gnocca.

FOLLOW US WE CAN GIVE YOU THE DIRECTION

Internship Programm: http://www.istitutoeuropeo.it/english/internships_florence.html
FOLLOW US WE CAN GIVE YOU THE DIRECTION 
ISTITUTO EUROPEO
 

WHAT DOES IT MEAN? Can someone explain?


WHAT DOES IT MEAN?

"Professor Neville Alexander, a Marxist sociologist who was classified as mixed race under apartheid, has roused the campus debate with the charge that affirmative action betrays the ideals of non racialism that so many fought and died for during the long battle against apartheid" (INTERNATIONAL HERALD TRIBUNE, Tuesday, November 23, 2010)

lunedì 22 novembre 2010

CALENDARIO DELLE ATTIVITA' DEL MESE DI DICEMBRE 2010 ( 22 NOVEMBRE - 17 DICIEMBRE)

NB: per participare alla attivita è necessario iscriversi nella lista in segretaria. Le attività saranno effettuate con minimo 5 studenti ( 10 studenti per pranzi/cene/visite speciali) * Escluso biglietti ingresso musei, chiese.

Lun 22 09:00 Test d'ingresso scritto ed orale.
19:00 Cena di benvenuto € 30.
Mar 23 14:00 Presentazione delle attività culturali a Firenze nel mese di dicembre.
15:00 Presentazione delle attività culturali del Dipartimento Musica dell'I.E.
Mer 24 14:00 Film: “non ti muovere” di S.Castellitto.
Gio 25 15:00 Visita ad una bottega artigiana: i mosaici Lastrucci.
Ven 26 19:00 Cena in trattoria € 30.
23:30 Serata in discoteca.
Sab 27 08:00 Gita a Milano € 50
Dom 28 07:30 Gita in Chianti (raccolta delle olive) €40

Lun 29 13:00 La Direzione incontra gli studenti dell’Istituto Europeo
Mar 30 14:00 Visita al museo Alinari € 9
Mer 1 12:30 Pranzo (assaggi tipici della cucina Toscana) € 20
Gio 2 14:00 Film: "La stanza del figlio” di N. Moretti.
Ven 3 19:00 Cena in trattoria € 30
23:30 Serenata in discoteca.
Sab 4 08:00 Gita in Venezia € 75
Dom 5 LIBERI

Lun 6 15:00 Incontro con l'opera: "Nabucco” di G.Verdi
Mar 7 14:00 Conferenza Dante e il suo tempo.
Mer 8 FESTA
Gio 9 14:00 Film: " Lo spazio bianco” di F. Comencini.
Ven 10 19:00 Cena in trattoria € 30
23:30 Serenata in discoteca.
Sab 11 07:30 Hiking in Chianti con pranzo degustazione € 40
Dom 12 LIBERI

Lun 13 17:00 Concerto degli artisi dell’Istituto Europeo
Mar 14 14: 00 Film: “Johnny Stecchino” di R. Benigni.
Mer 15 14:00 Incontro con l'opera : "Falstaff" di G.Verdi
Gio 16 19:00 Cena di fince corso € 30
23:30 Festa di corso in discoteca
Ven 17 10:30 Party di arrivederci. Consegna dei certificati, attestati/diplomi.

La Direzione dell'I. E. Academic Programs, si reserva la facoltà di variare il programa senza nessun preavviso, e augura un felice soggiorno a Firenze.

                                                         TESSERA I.E. (ID card)
                                  Elenco degli esercizi dove ricevere agevolazioni e sconti



FELTRINILLI INTERNACIONAL via Cavour 12 Bookstore 10% sconto
ODEON CINEHALL Original Sound (film in lingua originale) 6€ invece di 7,50
LA FOTOCOPIA Computer & Print Service, Via SAn Gallo 5/r-7/r sconto 10%/20%
TURKAUZ "The best kebap in town" via de Servi 65 r
ACQUA AL 2 "ristorante" via della Vigna Vecchia
IL CANTINONE "ristorante" via S. Spirito, 6r
IL TEATRO "ristorante-pizzeria" via Ghibellina, 128/r
LE CARCEI "ristorante-pizzeria-wine bar" piazza Madonna delle Nevi, 3
OSTERIA DI LEO "ristorante" via de Proconsolo, 8-10 r
OSTERIA DEL PORCELLINO "ristorante" via Dall di Lamona, 7/r
SASSO DI DANTE "ristorante" piazza delle Pallottole, 6r (al Duomo)
YELLOW "ristorante" via del Proconsolo, 39/r
TRATTORIA ROBERTO "ristorante" via Castellani, 4/r
CAFFETERIA DAMIANO "bar" via del parione, 64/r
CAFFE GIACOSA ROBERTO CAVALLI "bar" piazza degli Strozzi 1 WI-FI gratis
CECCHERINI "strumenti e spartiti" via Ginori, 35r
IL PARIONE 35 " Pelleteria" Via de Parione, 35/ A.r sconto 10%
IL PAPPAGALLO "cartoleria /centro stampa/fax" via degli Alfani, 61-63/r
LORY " fotocopia" Piazza Frescobaldi, 4-9/r (ponte S. Torinità)
PARIONE " cartoleria" Via del Parione, 10/r davanti all'ISTITUTO EUROPEO
LO SCRITTOIO "legatoria artigiana" via Nazionale, 126/r
BANCO CARTOLINE & SOUVENIR Piazza delle Pallottole, 1 (Duomo)
FOTO LOCCHI " foto-optica" via Del Corso , 21/r
I RINASCIMENTI "parrucchiere" via S.a Elisabetta, 11/r sconto del 10%
SPACE ELECTRONIC "discoteca-bar" via Palazzuolo, 37
TWENTY-ONE "discoteca-bar" via Cimatori, 13/r
CTS- Centro Turistico Studentesco- cia dei Ginori, 25
BAIANA "agenzia di viaggi" Borgo Albizi, 53-55/r


ISTITUTO EUROPEO
Via Del Parione, 1 (Tornabuoni)
INTERNET PONT all'IE "gratis per fli studenti I.E"
ORARIO: 8:30-17:10





we can place you everywhere

http://www.istitutoeuropeo.it/english/internships_florence.html

Estancia en Florencia

Yo vivo con 3 compañeros mas en un semiduplex (piso de 2 plantas) en pleno centro historico de Florencia, estamos a 5 minutos de Stazione Centrale de Firenze y a 15 minutos del Ponte Vecchio. El piso esta ubicado en Via Montebello. No somos los unicos estudiantes que viven en nuestro edifcio.

Nuestro piso tiene 2 plantas como bien he dicho anteriormente donde la planta de arriba tiene una habitacion muy amplia con 2 camas individuales y sus respectivos armarios; y un cuarto de baño equipado  con plato de ducha como podeis ver en las fotografias.





En la planta de abajo esta el salon-comedor, la cocina, un habitacion con dos camas y bien equipada; y un cuarto de baño mas amplio y con bañera. La cocina esta equipada con: lavadora, lavavajillas, pica, cocina de gas y utensilios de cocina como podeis observar en las siguientes fotografias.

Los 2 chicos con los que convivio duermen en el piso de arriba ya que ellos querian tener un poco mas de libertad , en cambio nosotras, mi compañera y yo dormimos en la habitacion de abajo ya que nos encanto el amplio cuarto de baño y era mas comodo para nosotras ya que no teniamos que subir las pesadas maletas por la escalera de caracol que comunican las 2 plantas.

Cada martes nos canvian las sabanas y las toallas (3 toallas: cuerpo, cabeza y manos) pero nosotros tenemos que limpiar el piso. Si tenemos cualquier problema con el piso en el primer piso hay un conserje con un horario y le comunicamos que nos sucede con el piso. El conserje solo sabe hablar italiano e inglés.

venerdì 19 novembre 2010

WE CAN PLACE YOU EVERYWHERE ISTITUTO EUROPEO INTERNSHIPS

http://www.youtube.com/watch?v=z9s-8jWQaZA

Harry Potter, c'è un mago in tutti noi

Lo studio pubblicato su New Scientist nel giorno del debutto nelle sale

In ognuno di noi si troverebbe un po' di magia. Secondo uno studio condotto da uno psicologo con la passione del paranormale, la maggior parte della gente avrebbe la capacità di prevedere il futuro e di influenzare gli eventi a venire. Indovinare chi si trova dall'altra parte del filo quando squilla il telefono o provare la sensazione di essersi aspettati un determinato evento, non sarebbero casualità prive di ragione, ma l'espressione di una certa capacità, sebbene poco sviluppata, di conoscere il futuro. La ricerca - pubblicata dalla rivista scientifica britannica New Scientist e che è già stata accolta con scetticismo da alcuni scienziati - è stata condotta da Daryl Bem della Cornell University di New York. L'ex fisico e mago part-time, ora passato allo studio della psicologia, ha sottoposto oltre 1.000 studenti ad una serie di esperimenti. Nel primo, ai volontari è stata mostrata una serie di parole da memorizzare ed è stato poi chiesto loro di ricordarne ed elencarne il più possibile.
In seguito, è stata data loro una selezione di parole da scrivere. Stranamente, la maggior parte dei volontari ricordava proprio le parole che in seguito avrebbe dovuto scrivere, indicando quindi che un evento futuro - la consegna della lista dei nomi da scrivere - aveva influenzato la loro capacità di ricordare. Nel secondo test, agli studenti è stato chiesto di indovinare dietro quale fra due tende si trovava un'immagine erotica: in una percentuale leggermente maggiore, i volontari indovinavano la tenda giusta. L'ultimo esperimento consisteva infine nel mostrare ai ragazzi due immagini, una di un cesto di frutta, l'altra di un pit bull e, in seguito, le parole 'minaccioso' 'allettante'. In qualche modo, anche se venivano mostrate in seguito, le parole avevano la capacità di influenzare come i volontari definivano le immagini suggerendo quindi che gli studenti avessero una certa premonizione della parola che avrebbero letto in seguito. Sebbene sorprendenti, i risultati dello studio di Bem non hanno del tutto convinto gli scienziati. "Per mia opinione, è ridicolo e non può essere vero", ha affermato lo psicologo Joachim Krueger. Secondo il New Scientist, per essere più credibili gli esperimenti di Bem dovrebbero essere ripetuti da altri e dare gli stessi risultati. Un ricercatore avrebbe già tentato il primo test sulle parole via internet, ma senza successo.

FONTE: Ansa